Eccovi rimenato Ascanio, il quale io tenevo, non pensando farvi dispiacere.

Su Ascanio Mari dalla Vita di Benvenuto Cellini

Sesta Parte

Entrato Ascanio, io che gli guardavo tutti con l’occhio della stizza, Francesco di colore ismorto disse: «Eccovi rimenato Ascanio, il quale io tenevo, non pensando farvi dispiacere». Ascanio reverentemente disse: «Maestro mio, perdonatemi; io son qui per far tutto quello che voi mi comanderete». Allora io dissi: «Se’ tu venuto per finire il tempo che tu m’hai promesso?» Disse di sí, e per non si partir mai piú da me. Io mi volsi allora e dissi a quel fattorino, a chi lui aveva dato, che gli porgessi quel fardello de’ panni: e allui dissi: «Eccoti tutti e’ panni che io t’avevo donati, e con essi abbi la tua libertà e va dove tu vuoi». Don Diego restato maravigliato di questo, ché ogni altra cosa aspettava. In questo, Ascanio insieme col padre mi pregava che io gli dovessi perdonare e ripigliarlo. Domandato chi era quello che parlava per lui, mi disse esser suo padre; al quale di poi molte preghiere dissi: «E per esser voi suo padre, per amor vostro lo ripiglio».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: