Ascanio

[…] Uscito di Roma me ne andai alla volta di Tagliacozzo, pensando trovarvi Ascanio allevato mio sopradetto; e giunto in Tagliacozzo trovai Ascanio detto, insieme con suo padre e fratelli e sorelle e matrigna. Da loro per due giorni fui carezzato, che impossibile saria il dirlo; partiimi per alla volta di Roma, e meco ne menai Ascanio. […]

Benvenuto Cellini, La vita [1558-1566]

Ascanio Mari è il “festeggiato”: è lui il protagonista della messinscena.

Il festival è dedicato a lui perché nacque a Tagliacozzo ed era un orafo della scuola di Benvenuto Cellini (in realtà da alcune pagine della Vita si capisce che forse tra i due il sentimento d’amicizia travalicò i consueti confini).

Ascanio di Giovanni Mari (Tagliacozzo, 1524 – ) è stato (?) un orafo italiano.

Giovanissimo venne preso a bottega da Benvenuto Cellini a Roma. Nonostante alcuni screzi con il maestro, riportati puntualmente nella Vita, gli restò sempre fedele e Cellini lo porò con sé in Francia alla corte di Francesco I. A lui lasciò il Petit Nestle, castello nel centro di Parigi concesso al Cellini da re, dopo la sua partenza per Firenze. Ascanio restò così a Parigi, servendo anche Enrico II. Sposò Costanza, figlia dello scultore Girolamo della Robbia, che per un certo tempo fu alloggiato al Petit Nestle.

Dumas padre si ispirò a lui per il personaggio di Fernando ner romanzo di cappa e spada intitolato appunto Ascanio.

 

 

 


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: